CARLO BETOCCHI - Nazzareno Luigi Todarello

 

Vieni, vieni da me, che già son vecchio,             

amore no, ma tu ombra d’amore fatta

di mute cose quotidiane, viste

di tetti, strade, di schiuse finestre

da cui spiano gli amanti la venuta

dell’amante, o d’invetriate malate,

e procedere smunto di giornate

penose, e pace ombrosa che ti perdi

come si perde nel palude in volo

fulminata la folaga che affoga

e poche piume restano per l’aria:

io sono la realtà che qui vacilla

senza nemmeno un suo perché

se tu non vieni, amore, ombra d’amore,

o caro sonno, a darmi la tua requie.

 

 

 

 

back